Le piante per bonificare dall’inquinamento da metalli pesanti

22-ottobre-2010  Chimici.it

Opportunamente trattate con chelanti, le piante possono funzionare come pompe che operano a energia solare

Una nuova tecnica di riqualificazione ambientale perbonificare le aree inquinate da metalli pesanti. È un nuovo risultato ottenuto dai ricercatori del CNR. Studi recenti hanno dimostrato l’efficacia della fitodecontaminazione, mediante cui, girasoli, mais e brassica (una pianta della famiglia dei cavoli), possono essere impiegati come sistemi di disinquinamento. “Elevate concentrazioni di metalli in forma diffusa e parcellizzata quali polveri, microparticelle presenti nell’aria, nel suolo e nelle acque”, spiega Franco Gambale, direttore dell’Istituto di biofisica (Ibf) del Cnr di Genova, “possono avere gravi conseguenze sulla salute umana e tra i metalli pesanti il piombo è l’elemento più diffuso. Le tecniche utilizzate fino a oggi, con elementi chimici, hanno limiti oggettivi sia per i costi di bonifica delle aree interessate, sia per gli effetti successivi al trattamento: perdita della fertilità e altre gravi alterazioni di natura chimica, fisica e biologica, tali che le aree inquinate rimangono inutilizzate per decine di anni”.

La fitodecontaminazione, al contrario, è un processo di purificazione naturale, in quanto, continua il direttore dell’Ibf-Cnr “sfrutta la capacità delle piante di assorbire elementi e composti dal suolo per poi concentrarli nelle parti mietibili (fusto e foglie). Le piante in questione, se opportunamente trattate con sostanze dette chelanti, che servono a rendere estraibili i metalli inquinanti, funzionano come pompe che operano a energia solare, in grado di assorbire dall’acqua e dal terreno non solo i sali minerali necessari per la propria sussistenza, ma anche elementi tossici minerali e/o organici”. Espletata la loro funzione, le piante vengono raccolte e incenerite a bassa temperatura, in modo da evitare la reimmissione degli agenti inquinanti nell’atmosfera e da restituire all’uomo, e alle sue attività, suoli prima perduti.

Ma i benefici non si limitano a questo. “La biomassa ottenuta”, prosegue Gambale, “può essere utilizzata per generare gas da impiegare per la produzione di energia e i residui minerali possono essere riciclati o inglobati, per esempio, in matrici cementizie. Le ceneri possono infine essere smaltite in discariche attrezzate a costi di gran lunga inferiori rispetto a quelli necessari per lo smaltimento del suolo, in considerazione del minor volume del materiale contaminato”.

Alcuni anni fa, nel comune di Arcola, in provincia di La Spezia, su un terreno contaminato da piombo adiacente a uno stabilimento industriale, è stata effettuata una prima sperimentazione di bonifica con la tecnica della fitodecontaminazione. L’esperimento faceva parte del progetto ‘PhyLeS‘, coordinato dal Cnr. I risultati ottenuti sono stati incoraggianti, mostrando l’efficacia del sistema. “Con alcuni accorgimenti derivati dai risultati della sperimentazione – conclude Gambale – riteniamo sia possibile un miglioramento della metodica che potrebbe consentire di ridurre il tempo di decontaminazione a circa 20 anni. Un risultato apprezzabile se si considera che gli approcci chimico-fisici tradizionali sono certamente più veloci, ma costosi e per nulla ecosostenibili”.

Fonte: CNR

 

 


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ricerca scientifica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...