Conferenza su clima, a Cancun obiettivo 5 mini-accordi

30-novembre-2010    ANSA

194 paesi a vertice Onu; ambizioni piu’ modeste, no intesa globale

Mettere le fondamenta per un accordo globale che però non è più la questione prioritaria. Più modestamente si punta a cinque mini-accordi. E comunque l’ obiettivo è in salita. Queste le basi di partenza della 16/a  che si è aperta a Cancun, in Messico. Meno show più tecnicismi, quest’ anno, rispetto a Copenaghen, dove, al summit del dicembre 2009, le aspettative, caricate anche dalla presenza di oltre 120 capi di Stato e di governo, dal presidente Usa Barack Obama fino al premier cinese Wen Jiabao, furono disattese.

“La lezione più importante che abbiamo avuto da Copenaghen é che non c’é un accordo miracoloso che può risolvere il problema del cambiamento climatico”, ha detto il segretario esecutivo della Convenzione Onu sul clima (Unfccc), Christiana Figueres. L’obiettivo di Cancun è quello di “porre le fondamenta” di un’architettura efficace, e di aiutare i più vulnerabili a far fronte all’impatto inevitabile dei cambiamenti climatici, ha ribadito l’esponente Onu.

La tabella di marcia non dovrà riaprire grandi questioni affrontate a Copenaghen e terreno di grande battaglia, come quella sul target di contenere il riscaldamento globale entro i due gradi, ma passare all’azione su alcuni fronti: il quadro di riferimento in materia di adattamento ai cambiamenti climatici; il meccanismo per la cooperazione tecnologica, per la condivisione del know how fra Nord e Sud del Pianeta; un aumento della capacità di gestire il fenomeno (capacity building) tramite le istituzioni; la riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado nei paesi in via di sviluppo.

Uno dei temi chiave per i negoziati sarà quello dei finanziamenti ai paesi poveri, a partire dal fondo “Fast start” dell’Ue del periodo 2010-2012. Su quest’ultimo punto la Ue ha preso impegni per 2,4 miliardi di euro nel 2010. Al momento, ha raggiunto la cifra di 2,2 miliardi di euro, in quanto mancano i 200 milioni promessi dall’Italia. Ma la commissaria Ue al clima, Connie Hedegaard, è fiduciosa: “Per quest’anno c’é ancora una piccola sfida che dobbiamo vincere, ma per l’anno prossimo stiamo già realizzando quanto promesso”.

E sempre secondo Hedegaard la conferenza di Cancun “é cruciale” per mantenere la lotta al cambio climatico dentro la cornice multilaterale delle Nazioni Unite. Degli oltre 190 paesi previsti, 132 erano presenti alla cerimonia di apertura della 16ma conferenza Onu sui cambiamenti climatici. A partire dal 7 dicembre, le delegazioni dei negoziatori saranno raggiunte dai ministri dell’Ambiente e/o dell’Energia dei loro paesi, nel tentativo – dopo Copenaghen – di ridare a questi colloqui credibilità rispetto al lungo e complesso processo negoziale lanciato dall’Onu 18 anni fa al fine di far fronte ai cambiamenti climatici.

Dal fronte della scienza arrivano però notizie poco confortanti: secondo uno studio britannico mantenere il riscaldamento globale sotto il livello dei 2 gradi, limite assunto come impegno a Copenaghen, non è più realistico, mentre è molto più probabile che nel giro di qualche decina d’ anni si toccherà un aumento di temperature pari a 4 gradi causando gravi danni, soprattutto la migrazione di migliaia di persone costrette a spostarsi per la mancanza di cibo e acqua. Richiamano quindi a recuperare il tempo perduto le associazioni. Greenpeace e Wwf puntano su finanziamenti, accordo foreste e un piano per il taglio delle emissioni.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Congressi - Dibattiti, Politica ambientale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...