Cancun: Prestigiacomo, appello a Cina e Usa per maggior impegno

9-dicembre-2010   ANSA

Impegni equilibrati per tutti i Paesi e nessuno si tirera’ indietro

CANCUN (MESSICO) – Un ”appello forte” a Cina e Usa per un impegno ”sempre maggiore sul fronte del contrasto a cambiamenti climatici”. A lanciarlo, davanti a 194 Paesi, il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, nel discorso pronunciato in sessione plenaria alla 16/a Conferenza Onu sul clima (Cop16) in corso a Cancun, in Messico, la cui conclusione, con le decisioni finali, e’ prevista per domani. ”L’Italia – ha detto il ministro – ha lavorato intensamente per il successo di questa conferenza. Abbiamo cercato di essere, nell’ambito delle strategie comuni dell’Unione Europea, elemento di dialogo e mediazione per avvicinare le posizioni su vari temi chiave ribadendo in ogni sede l’importanza di un impegno che sia davvero di tutti. Un impegno che, per essere davvero efficace, deve vedere il coinvolgimento di paesi come Cina e Stati Uniti a cui rivolgo un appello forte per un impegno sempre maggiore sul fronte del contrasto a cambiamenti climatici”.

IMPEGNI EQUILIBRATI PER TUTTI I PAESI
Impegni equilibrati per tutti i paesi e ”sono sicura nessuno si tirera’ indietro”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, nel discorso pronunciato in sessione plenaria alla 16/a Conferenza Onu sul clima (Cop16) in corso a Cancun, in Messico, la cui conclusione, con le decisioni finali, e’ prevista per domani.

”Da qui, domani, al termine dei lavori – ha detto Prestigiacomo – puo’ e deve uscire l’architettura di una intesa, gia’ definita in molte parti, e da siglare con l’impegno di tutti l’anno prossimo in Sudafrica.

”Una intesa – ha aggiunto – che dovra’ anche rappresentare l’opzione forte di uno sviluppo a basso contenuto di carbonio per i paesi in via di sviluppo, una opzione sostenuta e promossa dai paesi piu’ industrializzati. Credo sia chiaro a tutti che l’impostazione vincente non e’ quella demagogica, ma quella della responsabilita’ e della concretezza, che ci e’ mancata forse l’anno scorso e che invece qui a Cancun ha guidato il negoziato”.

E in merito al summit di Copenaghen del 2009: ”La battuta d’arresto di Copenaghen – ha rilevato il ministro – deve diventare la nostra forza. Oggi sappiamo piu’ e meglio di ieri quali sono i nodi veri del negoziato, sappiamo che pensare di ottenere subito il risultato ottimale puo’ impedirci di raggiungere obiettivi importanti e possibili. La posta in gioco per l’umanita’ e’ altissima e non possiamo fallire di nuovo”.

FATTI GRANDI PASSI AVANTI, DECISIVE LE PROSSIME ORE
”Grandi passi avanti sono stati fatti su settori chiave di quella che domani potra’ essere l’intesa globale sul clima e lo sviluppo sostenibile”. Questo il bilancio del ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, su dieci giorni di lavori del summit Onu sul clima a Cancun, in Messico, durante il discorso pronunciato in sessione plenaria alla 16/a Conferenza Onu sul clima (Cop16), la cui conclusione, con le decisioni finali, e’ prevista per domani. 

In particolare secondo il ministro ha sottolineato la definizione di un meccanismo per la diffusione e il trasferimento delle nuove tecnologie, ”che rappresentano da un lato lo strumento necessario per una decarbonazione delle nostre economie, e dall’altro il mezzo per consentire una sostenibile crescita socioeconomica di tanta parte del mondo che ha diritto di migliorare i propri standard di vita e di benessere”. Importante ”anche il quadro – ha sottolineato il ministro – per la collaborazione tra i Paesi per la lotta alla deforestazione che ha un ruolo cruciale non solo per la riduzione delle emissioni globali ma per lo sviluppo delle popolazioni indigene che con le foreste hanno un rapporto millenario e virtuoso”.

Decisivi infine, ritiene Prestigiacomo, ”i passi avanti che sono stati fatti sul fronte delle politiche e dei finanziamenti per l’adattamento, elemento chiave per qualsiasi strategia di sviluppo che sia omnicomprensiva e la definizione della futura architettura finanziaria di lungo termine che assicuri un incremento sostanziale delle risorse da varie fonti, al fine di dare continuita’ d’azione e quindi assicurare l’efficacia delle attivita’ intraprese e da intraprendere”.

”Ci aspettano ore decisive – ha concluso – e impiegheremo tutte le nostre energie, fino all’ultimo minuto, per raggiungere gli obiettivi importanti che sono a portata di mano”.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Congressi - Dibattiti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...